< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • February 2009
    M T W T F S S
    « Jan   Mar »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    232425262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/02/2009

    Trovatene uno migliore, oppure fatela finita

    Filed under: — JE6 @ 12:20

    La mia incrollabile e quasi fideistica fiducia in Massimo D’Alema è andata scemando nel corso del tempo, un po’ perchè nessuno è perfetto, un po’ perchè – tempo fa – ho intrapreso e portato a termine l’interessante lettura di “Compagni che sbagliano” (*) di Andrea Romano, un po’ perchè – come cantava Vasco Rossi mille anni fa – “è che alla fine ogni cosa ti stanca, tutto qui”. Il fatto è che lui sarà anche lo scorpione descritto da Giuliano Ferrara ma a sinistra, in quell’agglomerato laocoontico che ha cambiato tanti nomi quanti Prince durante la sua onorata carriera non sono ancora riusciti a trovare uno più scorpione di lui, uno capace di resistere al veleno inoculatogli e fare la sua battaglia e vincerla, uno capace di parlare e convincere, che l’emozione viene e va e la ragione alla fine resta. Lo dico da dalemiano non ancora del tutto pentito: datemi uno che sia meglio di lui. Tiratelo fuori dal cilindro, e in fretta. Oppure, appunto, ridateglielo ‘sto partito, e ne faccia quello che vuole, che di mezze calzette e pallide controfigure ne abbiamo pieni i santissimi.
    Wittgenstein

    (*) Un lettore mi fa gentilmente notare che il titolo del libro di Romano è “Compagni di scuola” – immagino di dover interpretare il mio errore come un lapsus freudiano.

    6 Responses to “Trovatene uno migliore, oppure fatela finita”

    1. Sir Squonk Says:

      Uno migliore, o se si vuole non peggiore, semplicemente non c’è.
      [Arsub]

    2. Sir Squonk Says:

      te lo devo proprio dire: “agglomerato laocoontico che ha cambiato tanti nomi etc…” è una frase così strepitosa che me la segno.
      [Chiaratiz]

    3. Sir Squonk Says:

      Knut Wicksell (http://knutwicksell.wordpress.com/2009/02/27/fede/)
      Excerpt:
      […] […] Fede Salta ai commenti Sono bastate tre interviste di Curzio Maltese per farci ritrovare la fede. […] […]

    4. Sir Squonk Says:

      Solo per correggere un’imprecisione, sir: “compagni di scuola”
      [Borgognoni]

    5. Sir Squonk Says:

      I giovani come categoria protetta, a prescindere da quello che fanno e dicono: insopportabile!
      [Arsub]

    6. Sir Squonk Says:

      Eccoli qui gli orfanelli “der meio” che ci sia!!
      Intellettualoidi così affascinati dal baffo mistico che non si accorgono che oramai (e per fortuna) il “Massimo” nazionale è finito, sconfitto dalla sua stessa arroganza.
      Forse i govani non sono meglio ma, sicuramente, nemmeno peggio.
      [Amminchiolito 10]

    Leave a Reply