< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • June 2009
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/06/2009

    Mandi

    Filed under: — JE6 @ 19:11

    Attraverso la bassa friulana – Latisana, Palazzolo, Gonars, Castions, Mortegliano, Lavariano, Chiasiellis – passando tra vigneti, ricordi di campioni del calcio, distese di mais, spacci di carne suina e i resti di un tempo in cui il fumo non era peccato, la ciminiera della manifattura e gli ultimi appezzamenti di coltivazione del tabacco. Alle due del pomeriggio, la cosa che si sente per davvero è il silenzio; probabilmente lo noto perché ho ancora nelle orecchi il rumore costante e inevitabile di Manhattan, e forse ci sono luoghi che si distinguono per il numero di decibel. Entriamo nel piccolo cimitero, fatto di pochi cognomi ripetuti decine di volte, fatto di nomi dimenticati da noi che a volte dobbiamo ricorrere all’inglese perché abbiamo perso memoria e uso della nostra lingua. Mi viene in mente il cimitero che sta all’inizio di Broadway, a due passi da Wall Street e a due passi da Ground zero, mi vergogno un po’ al pensiero che, per alcuni casi della vita uniti alla pigrizia e ad altri motivi meno nobili, sono quasi vent’anni che non metto piede in Sardegna e non ho mai visto le tombe di tre dei miei quattro nonni (rendendomi conto che questo, oggi, sarebbe il motivo più importante e lo stimolo più forte per farmi tornare laggiù). Ascolto il “cje bjel” che accoglie mia figlia, mi godo questa lingua antica stupendomi del fatto che riesco a capirne più di quanto mi ricordavo che fossi capace di fare, realizzo che non potrò mai lasciare alla bambina un’eredità paragonabile a questa che sta conoscendo ora, una qualche forma di radice tangibile, una lingua, un vecchio trattore, qualcosa di remoto eppure vivo.
    E’ l’ora di tornare.