< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • November 2009
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/11/2009

    La macchia gialla

    Filed under: — JE6 @ 09:01

    Ci ho fatto caso per la prima volta questa mattina, lungo la strada che percorro tutti i giorni quando non sono in viaggio. Andavo piano, davanti c’era un camioncino che si avvicinava alla curva a gomito che porta alla zona industriale; ho fatto in tempo a vedere quella macchia gonfia e gialla sul marciapiede opposto, ho fatto in tempo a capire che era un mazzo di crisantemi. Mi sono ricordato del giorno dei morti appena trascorso; come me e prima di me se ne è ricordato un genitore, o un fratello, o forse un amico di infanzia: uno che probabilmente cerca con tutte le sue forze di evitare quel pezzo di strada, quella curva, quel ricordo. Ma i ricordi non si cancellano, neanche volendo, neanche provandoci: così quel qualcuno, una volta all’anno, va da un fiorista, indica col dito il mazzo di crisantemi, paga, e si trascina fino a quel cimitero di un metro quadro di asfalto di marciapiede, in quella periferia dove non si ferma nessuno a meno che non debba caricare una puttana per portarsela dietro i capannoni. Appoggia i fiori sul marciapiede, cerca e forse trova qualcosa da dire o da pensare, poi se ne va: un anno può essere lungo, anche se non abbastanza per dimenticare.