< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • November 2009
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/11/2009

    Lo slalom del terzino Hansen

    Filed under: — JE6 @ 18:16

    Non sono mai stato un fan particolarmente sfegatato di Diego Maradona, e sarà per quello che non mi sono mai stracciato le vesti per il famoso gol che segnò facendo slalom tra i giocatori di mezza nazionale inglese (dribblare le statuine del presepe non mi è mai sembrata una cosa così difficile, per un giocatore di quel livello). Poi ogni tanto viene fuori un clone di quel gol, una volta nella Liga spagnola, una volta nella nostra serie A, una volta nella seconda divisione norvegese, ed è come se in questa ripetizione di un capolavoro ci fosse una morale – a sapere quale, però.
    Repubblica.tv

    Per merito

    Filed under: — JE6 @ 08:52

    Ho seguito un po’ dei lavori dell’Assemblea Nazionale del PD con il rassegnato divertimento che mi pare essere una delle cifre stilistiche di questi tempi. Nella completa prevedibilità di atti e discorsi (lo dico come constatazione, non come critica: gli scarti e i colpi di genio te li aspetti in altre occasioni), gli eventi più sconsolantemente divertenti sono stati l’elezione di Ivan Scalfarotto alla carica di vicepresidente del partito e il discorso di Dario Franceschini: da un lato perché, pur avendo seguito con attenzione moderata le faccende interne della mozione Marino, non faccio fatica a immaginare che nella mozione stessa vi fosse un discreto numero di soggetti con curriculum politico-organizzativo di molto maggior spessore rispetto a Scalfarotto (voglio dirne uno, sapendo di non essere sospettabile di simpatie più o meno interessate: Pippo Civati); dall’altro perché la creazione di una carica prima inesistente e ancora vuota di compiti e contenuti con relativa elezione dei rappresentanti delle minoranze interne è stata accettata senza batter ciglio da questi ultimi al grido di “noi non chiediamo cariche”. Come dice un amico, “ad essere non maligni ma appena consequenziali bisogna concludere che chi si lamentava del fatto che l’establishment fosse pieno solo di amici di amici non criticava il metodo di cooptazione, ma si struggeva perchè nessuno ‘lo facesse amico’, come dicevamo da piccoli”; il fatto è che questo è un paese straordinario, nel quale basta ripetere per due mesi “noi siamo il nuovo” per risultare addirittura credibili nel ruolo: non importa poi che gli alfieri del merito si ritrovino eletti in virtù della loro osservanza, siamo tutti nella stessa barca e un posto in scialuppa non si nega a nessuno.