< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • December 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/12/2009

    Basire, sgranare gli occhi, non trovare le parole

    Filed under: — JE6 @ 17:05

    Vittorio Feltri è uno di quelli che la miglior difesa è l’attacco, uno di quelli che portano la sfrontatezza a livelli talmente elevati da non poter nemmeno essere commentati – leggi una cosa come quella che ha scritto oggi, la nonchalance con la quale ammette sorridendo di aver scritto una cospicua serie di falsità sul conto di Dino Boffo, dando però colpa allo stesso Boffo dei risultati prodotti dalla pubblicazione di quelle falsità e rimani ammutolito con la mandibola cascante non potendo credere non all’esistenza della disonestà – intellettuale e fattuale – bensì a tanta sua allegra ostentazione. E’ la gente come me, quella che basisce, sgrana gli occhi e non trova le parole, quella che gli consente di continuare, ed è una cosa che mi dà un enorme fastidio.
    Il Giornale