< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • December 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/12/2009

    Giorni

    Filed under: — JE6 @ 08:39

    [Ci sono giorni nei quali ti pare di toccare con mano quella pornografia dei sentimenti della quale alcuni ti accusano: ti pare di sguazzarci dentro, perché è la tua. Sono i giorni nei quali vorresti scrivere la cosa che colpisce tutti, quella che prende allo stomaco e tira fuori le lacrime, quella che si prende i like e i mi-piace come le stelle dei ristoranti e i pallini dei film di prima visione. Peccato che qualcuno sia arrivato prima di te, e ti abbia rubato la scena, e – non importa se volendolo o no – sia andato, sia stato messo sotto i riflettori del quarto d’ora di celebrità quotidiana. Sono i giorni nei quali la vita degli altri è più interessante, drammatica, piena, memorabile. Sono anche i giorni nei quali delle tante, forse troppe vite altrui con le quali entri in contatto e delle quali puoi sapere tanto, forse troppo, ti senti di poterne reggere solo pochissime, quelle più vicine, quelle più care. Sono i giorni nei quali realizzi che questo non è possibile, perché i sei gradi di separazione funzionano sempre, e da una vita a te vicina passi a un’altra con la quale non vorresti avere a che fare, e non ci puoi fare niente perché delle vite altrui non sei tu – per fortuna – a decidere, e tutto ciò che puoi fare è sfoderare il tuo sorriso migliore e trovare il buono che ci dev’essere in tutto questo, anche se ben nascosto. Sono i giorni nei quali questo tentativo provoca tanti danni quanti ne fa l’elefante nella cristalleria, e ti pare di avere un talento speciale per far franare le cose belle e per lucidare col Polish l’ottone di quelle brutte. Sono giorni che poi, speri, passano. Come gli anni, anche se non te ne accorgi, anche se non c’è nessuna differenza visibile e sostanziale tra un minuto prima e un minuto dopo]