< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • December 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/12/2009

    Il principe che cantava ai giurati

    Filed under: — JE6 @ 21:28

    Se nel ’46 i nostri nonni fossero stati meno stufi di tutta la baracca, oggi ci potremmo godere una sana monarchia da operetta, e il principe che va a cantare al Festival di Sanremo ci sembrerebbe del tutto coerente con l’improbabile soggetto preso di peso da un film con Fred Astaire.
    Corriere.it

    L’uomo che racconta le barzellette

    Filed under: — JE6 @ 17:22

    L’uomo che racconta le barzellette non sta mai zitto. Apre la bocca quando si sveglia e la chiude quando si addormenta, e tra i due momenti della sua giornata inanella una sequela infinita di battute, aneddoti, frasi a effetto – e barzellette. Ha ormai passato l’età per la pensione, e siccome ne ha viste tante, tante ne ha da raccontare: di barzellette, e di storie. Ha sempre una storia da raccontare, un cliente di Pordenone, un cugino della moglie di Melegnano, un direttore tecnico di venticinque anni fa, un’automobile che come quelle non se ne fanno più. Ha sempre qualcosa da insegnare, anche quando dice che lui alla sua età non ha ancora smesso di imparare. Vive nella sua galassia personale, costantemente sopra le righe come un clown e le sue scarpe lunghissime e il suo naso rosso finto, confonde i nomi, importuna le cameriere, colleziona gaffes. Per molti è “un mito”, per qualcuno è divertente come una foglia di ortica; poi c’è un momento nel quale chi vuole può vederlo per quello che è, quando cammina lungo il vialetto che porta al parcheggio e si stringe nel cappotto e mostra tutti gli anni che ha, e risponde al saluto con un “ciao” tanto normale che in bocca a lui sembra quasi dimesso e triste. Basterebbe toccarlo con un dito per far cascare prima la maschera e poi tutto il resto, ma in fondo sarebbe una inutile crudeltà: e allora gli si chiede se è di fretta, se ha cinque minuti di tempo per un caffè.