< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/12/2009

    Fa tanto folk, fa tanto popolare

    Filed under: — JE6 @ 18:14

    Io non so come la pensa Bersani, che pure è uno da Vasco Rossi e AC/DC – non esattamente Claudio Lolli e gli Inti Illimani, per intenderci. So che Checco Zalone, quando dice a Pigi Battista “questa mania della sinistra snob per la taranta, anzi per la pizzica. Fa tanto folk, fa tanto popolare. Ma è una mistificazione. A loro piace la musica che fa “popolare”, ma non sopportano la massa, che non è il popolo come piace a loro: che non danza la taranta, ma va a Capitolo, vicino Monopoli, nel divertimentificio dove un uomo tanto colto e raffinato come Nichi Vendola non metterebbe mai piede” sta parlando proprio di me e di una enorme quantità di gente che come me si definisce di sinistra. Se vi sia una lezione politica in tutto questo non saprei dirlo: certo, ai tempi di Peppone era tutto più facile, e forse il segreto della vittoria è continuare a comportarsi come nel 1954, proprio come fa il PresDelCons.
    Corriere.it

    One cent

    Filed under: — JE6 @ 11:08

    Ieri sera guardavo Piazza alla Scala con le luci, la gente che faceva la coda per andare a vedere il San Giovanni Battista di Leonardo da Vinci, le coppie che si facevano fotografare, l’aria fredda, i suoni non ancora diventati rumori – quelli che ci avrebbero massacrati in Piazza dei Mercanti – e niente, a Milano basta poco per essere bella. Il famoso centesimo, quello che manca sempre.