< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/10/2010

    Da Shrek a Fiona, in poche semplici mosse

    Filed under: — JE6 @ 17:00

    Tutto e subito, ecco l’orrore dei nostri tempi. E’ la prima volta che vengo in Polonia, e mi rendo conto che tendo già a farmene un’idea stando quassù, a sette-ottomila metri di altezza – la neve che incomprensibilmente scompare nell’arco di cinque o sei chilometri, i campi tutti rettangolari lunghi e stretti, i boschi ghiacciati. Come se si potesse capire qualcosa di un posto volandogli sopra, come se si potesse anche solo lontanamente immaginare la vita dei quasi quaranta milioni di persone che stanno là sotto senza incrociarne lo sguardo. Mi vergogno un po’.

    Questa mattina, leggendo i quotidiani aggiornamenti sull’omicidio di Sarah Scazzi, mi sono venute in mente queste quattro righe che scrissi poco meno di quattro anni fa. E mi sono venute in mente non perché mi ritenga un maestro, ma proprio per il motivo contrario – predico bene e razzolo male. Perché adesso si dice (si dice, eh) che l’orco dormiva, che Sarah sarebbe stata uccisa dalla cugina, che la zia sapeva. Siamo passati da Shrek a Fiona, insomma – in una manciata di giorni e poche semplici mosse. Intanto abbiamo tutti – tutti: le grandi firme dei giornali, i barbieri e i blogger – dato fondo alle nostre riserve di sociologia d’accatto, Alberoni originali e made in Paderno Dugnano, tutti con le nostre brave teorie – l’incidenza del cattolicesimo nella spettacolarizzazione del delitto, la società dell’orrore, i parenti serpenti, la prevaricazione e la violenza maschile sulle donne – pronte a essere smentite dalla prossima edizione straordinaria, dal prossimo plastico di Bruno Vespa, dal semplice passare del tempo misurato in ore e non in anni. Tutto e subito, ci hanno insegnato così.