< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • January 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/01/2011

    Radici

    Filed under: — JE6 @ 15:19

    La collina è immersa nella nebbia, sui prati rimasti in ombra per giorni interi rimangono resti di neve incongruamente bianca. Al centro di un piccolo spiazzo i cinque uomini stanno in piedi, intorno a un largo paiolo di rame fumante, passandosi l’un l’altro un cucchiaio di legno, grande, altissimo, con il quale mescolano a turno la polenta che tra mezz’ora porteranno in tavola. Di tanto in tanto ravvivano il fuoco, e ridono quando i salti dell’aria gettano in faccia al malcapitato di turno nuvole di fumo caldissimo che fa lacrimare gli occhi. Nei bicchieri di plastica si passa il vino che apre la strada ai racconti, vi ricordate quando siamo rimasti bloccati dalla neve, e tutta l’Aurelia fatta senza mai mettere la sesta, ma lascia perdere, e quando ci siamo scontrati con le barche a remi, ma dove, in Baviera, oddio sì mi ricordo, prova ad assaggiare, a me sembra salata, ma quanto si sta bene qui. In una breve pausa di silenzio, come una parentesi, come un riposo dei rimbalzi delle voci attutite dall’umidità spessa e pesante, uno dei cinque si stacca dalle radici della vita che hanno passato insieme e guarda verso il fondo della valle, verso la città dove abitano, la città nella quale sono nati e cresciuti. Davanti a sè vede solo il grigio lattiginoso della nebbia. Dovremo scendere prima che faccia buio, mormora. Il più vicino dei quattro amici gli si avvicina porgendogli la bottiglia quasi vuota, bevi cristosanto, che a quello ci pensiamo dopo.