< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/01/2011

    Schemi

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Le cose, gli schemi. A volte sembra di poter prevedere quasi tutto – azione, reazione, prosieguo, finale. Nel piccolo, le parole studiate, le immagini ad effetto, lo stringimento di stomaco, and they lived happily ever after fino al prossimo bacio Perugina. Nel grande, la promessa, la fiducia, il portaci dove ci hai detto che, il credete ancora in me. E la trasmissione televisiva, la telefonata del presidente del consiglio, il berciare contrapposto, i titoli di coda, la ripresa sui giornali, la schermaglia, la nuova trasmissione televisiva. Una infinita teoria di occasioni da “lo sapevo, l’avevo detto io”, talmente lunga da far passare la voglia di dirlo, non sarà colpa nostra la sventata cecità altrui, noi possiamo tirarcene fuori e attendere sulla riva del fiume, correndo il solo rischio di diventare troppo vecchi nell’attesa di un evento ineluttabile.