< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • January 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/01/2011

    Corsetti, monocoli, eloqui forbiti

    Filed under: — JE6 @ 19:00

    L’educazione non è ormai una forma di rispetto umano scambievole e con le sue regole codificate, no certo, è resistenza alla maleducazione. […] Uso e abuso indiscriminato dei propri corpi, senza un’occhiata guardinga all’estetica, e simile abuso dell’estensione vocale in qualsiasi mezzo o località pubblica. Il maleducato guida, parcheggia e soprattutto telefona sfondando le capacità contenitive di una città, mentre sorvola sui tatuaggi e le sbornie dei figli, protestandosi di fronte a una generazione ingovernabile.

    Leggevo queste righe di Franca Valeri riportate da Paola, e pensavo alla vecchia storia della trave e della pagliuzza, a chi vorrebbe strangolare il dirimpettaio sul Frecciarossa perché non mette il cellulare in vibrazione e conversa a voce alta ma ostenta il proprio tatuaggio tribale sulla spalla o sulla caviglia, a chi odia chi ostenta i tatuaggi ma suona il clacson a ogni semaforo, a chi ucciderebbe chi suona il clacson ma dice “cazzo” ogni otto parole, a chi disprezza chi dice “cazzo” ogni otto parole e riempie ogni frase con il suo complesso di superiorità, a chi compatisce chi coltiva i complessi di superiorità e lascia il mozzicone di sigaretta in spiaggia, a chi multerebbe chi lascia il mozzicone in spiaggia e il giorno dopo in ufficio si vanta del mal di testa da hangover dovuto ai quattro mojito della sera prima, al circolo infernale di una società che si è talmente dimenticata del buon gusto e, appunto, dell’educazione da far rimpiangere i tempi della Regina Vittoria, come se le gabbie dei formalismi da film in costume fossero l’unico argine alla slavina inarrestabile del neanderthalismo della modernità.