< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • January 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/01/2011

    “What’s next?” – “Tomorrow”

    Filed under: — JE6 @ 15:57

    Di “The West Wing” è già stato detto e scritto tutto, da quelli che ne sanno e da quelli come me, che si siedono sul divano e cliccano play.
    Io l’ho iniziato pensando che fosse solo un telefilm. Famoso, certo. Ma solo un telefilm. Non sapevo – non potevo immaginare – che sarebbe diventato un compagno di viaggio, lungo un anno. L’altra sera l’ho finito, e quel mondo fatto di persone che ci credono e ci provano, imperfette e perciò vicine – anche quelle sideralmente lontane – mi manca, come a molti altri, come ti manca un viaggio quando arrivi a destimazione. E però penso all’ultima battuta dei due presidenti: quello che inizia chiede “What’s next?”, e quello che finisce mormora, guardando l’oceano che sta diecimila metri sotto di lui: “Tomorrow”. Ecco.