< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • January 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/01/2011

    Il male minore, il doppio male

    Filed under: — JE6 @ 16:24

    Conosco un buon numero di persone che trova scandaloso e disdicevole che il PD, in primis il suo segretario, non abbiano preso una posizione netta (e contraria) all’accordo Fiat, quello che a partire da stasera verrà sottoposto al referendum degli operai. Tra tutte queste persone, non ne ho trovata ancora una che si sia mostrata sfiorata dal dubbio che quella posizione netta non si potesse prendere perché avrebbe significato sposare una causa comunque sbagliata. Certo, si può obiettare che così facendo di cause sbagliate se ne sposano due. Io non lo credo, ma tant’è.

    Il presidente (non) operaio

    Filed under: — JE6 @ 10:19

    A volte non sono le parole, quelle che contano per davvero. E’ il tono. Ascoltavo Berlusconi, ieri, e l’ho riascoltato questa mattina, e il tono – appunto – era quello dell’imprenditore. Quello che lui è sempre stato, quello che lui continua a essere. Si percepiva l’empatia. Penso a tutti gli operai di Mirafiori che lo hanno votato.