< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Accumuli
  • Da fuori, standoci dentro
  • Grazie
  • Compagni
  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • Vincere le battaglie e perdere le guerre
  • Il potere di una virgola
  • Partiti
  • September 2011
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/09/2011

    (ride)

    Filed under: — JE6 @ 18:40

    E’ qualche giorno che mi chiedo cos’ho che non va, visto che qualsiasi giornale abbia letto ha pensato bene di fare il titolo sul premier a tempo perso mentre io, leggendo la trascrizione, trovo dopo la frase incriminata un (ride) che mi cambia le carte in tavola, che mi fa pensare che santiddio almeno quella era una battuta che avrebbe potuto dire davvero chiunque – perché non hai risposto al messaggio, perché sai, a tempo perso lavoro. Poi lo so, scherzando si dicono spesso – pure involontariamente – le verità che non verrebbero mai fuori facendo un discorso serio, e in fondo quella frase dice ciò che pensiamo tutti, che per il PresDelCons quello del premier sia davvero un secondo o terzo lavoro funzionale all’esercizio di ben altre occupazioni, non ultima quella di collezionare numeri di telefono di femmine di ogni ordine e grado. Però non so, sento questa puzza di feltrotravaglismo che mi piace proprio poco, che poi è la puzza di un paese andato a puttane da molto tempo, molto prima che l’Uomo del Fare desse l’esempio col sigillo delle istituzioni.

    Leave a Reply