< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • May 2012
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/05/2012

    L’anno che è passato

    Filed under: — JE6 @ 08:45

    Ci sono tanti modi di misurare il tempo. C’è il ciclo lunedì-venerdì, e quello più corto sabato-domenica che a volte è già finito quando inizia il Gran Premio di Formula 1. C’è quello che va da un capodanno all’altro. C’è quello che va da un buco nella cintura a un altro, da una 48 a una 46. C’è quello dal quale non siamo più usciti dall’età di sei anni, che inizia a settembre e finisce cinquanta settimane dopo, in coda al casello di Melegnano. C’è quello ho-iniziato-questo-lavoro-il-primo-febbraio-dell’anno-scorso. C’è quello che va da una visita al cimitero a quella successiva. Oggi è un anno giusto che mi hanno dato questa macchina, ho guardato il contachilometri, ho visto una cifra che è quella della circonferenza della Terra all’Equatore, dentro quei cinque numeri ci stanno un sacco di cose, qualche centinaio di ore con il volante tra le mani, ansie prima degli appuntamenti, sollievi di ritorno, piogge torrenziali e tramonti abbacinanti, aree di servizio che non arrivano mai, parcheggi improbabili, incidenti sfiorati, vacanze conquistate, un sacco di cose che alla fine forse, chissà, magari l’anno vero è stato questo qui, quello che va da un concessionario a un tagliando di manutenzione.

    Leave a Reply