< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Parola dell’attore
  • Canta Appress’ A Nuie
  • Com’è il buio
  • L’anno che è arrivato
  • Crazy Horse, tipo
  • Tra parentesi
  • Mi fa grigie queste ore
  • Un lavoro fatto bene
  • Did it need to be so high?
  • Le cose che siamo, Business Edition
  • I morti della marmotta
  • Una firma qui, per cortesia
  • ll mare d’autunno
  • Vedere com’è essere qui
  • Altro da aggiungere non vi è
  • E’ possibile
  • Daysleeper
  • Abbi Fedez
  • Have a little faith in you
  • Nel preciso istante
  • In serie
  • Così, per dire
  • La pelle dell’orso
  • Che bello
  • Ma ti ricordi
  • Ciao come stai
  • Em(mah)
  • Esser morti da sempre anche se possono respirare
  • Santificare le feste
  • Unisci i puntini (da San Patrignano a Slane Castle, via Madre Teresa)
  • La sottile linea rossa
  • Cinque vasi e uno sgabello
  • You cannot be serious
  • Da fuori
  • Tornare in paese
  • Vivere raccontandola
  • Giusto è ciò che giova al più forte
  • Sfasciacarrozze
  • Tu chiamami se vuoi Marco T.
  • Quarantasette
  • December 2014
    M T W T F S S
    « Nov    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/7/2010

    My Own Private Milano

    Filed under: — Sir Squonk @ 08:08

    Capita che una sera, per una manciata di motivi qualsiasi, ti trovi a girare per la città nella quale sei nato e cresciuto e dove ancora vivi, rendendoti conto che la stai guardando con quella specie di curioso stupore che ti segue quando visiti un posto nuovo, non importa se questo sia una megalopoli americana sulle rive di un lago molto più grande di quanto la tua immaginazione mai ti avrebbe permesso di immaginare o un paesino della provincia emiliana dove il campo da baseball ha lasciato lo spazio a una distesa di prato irregolare.
    Capita che ti venga la curiosità di sapere come alcune persone che tu conosci, nel modo irregolare e strano di questi tempi cosiddetti sociali, vedano la tua città – su cosa si sono fermati i loro occhi, quali luci hanno visto, che particolari hanno notato. E pensi che sarebbe bello provare a fare un esercizio di parole, pensi che si potrebbe provare a fare un racconto a due facce: Milano, fotografata dai non milanesi, e raccontata dagli indigeni.
    La butti lì, e in due ore hai già venti persone che ti dicono “dai, ci sto”. Non perché sia una grande idea, né nuova. Forse, solo per la voglia di fare qualcosa insieme, a gratis. “My Own Private Milano” nasce così, in una sera di primavera passata a mangiare pane alle olive su una panchina di Corso Garibaldi, proprio dove c’è una vedovella, una fontana pubblica, una delle poche ancora rimaste. Venti fotografi, non milanesi, che un giorno hanno preso un’immagine di Milano. Venti scrittori, milanesi per nascita o per adozione, che un giorno hanno ricevuto una fotografia, e la richiesta di scriverci sopra qualcosa, qualsiasi cosa.
    Quale sia il risultato non lo so. So che è stato bello farlo, so che è stato bello ricordare che questo è un bel posto, basta saperlo guardare, basta volerlo dire.

    36 Responses to “My Own Private Milano”

    1. EmmeBi Says:

      Massimo rispetto. Gran lavoro di qualità senza cadere nei luoghi comuni.

    2. stefigno Says:

      Fiero di esserci, grazie Sir.

    3. Nandina Says:

      già, questo é un bel posto.

    4. micronarrativa Says:

      complimenti, piccola grande gemma di psicogeografia.

    5. Tweets that mention Squonk » My Own Private Milano -- Topsy.com Says:

      [...] This post was mentioned on Twitter by Massimiliano Trovato, Luca Di Ciaccio. Luca Di Ciaccio said: My Own Private Milano http://ff.im/-nTcOP [...]

    6. Paolo Says:

      Scaricato e stampato. Grazie.

    7. My Own Private Milano, fotografie da scrivere < Livingston, il blog di Marco Mazzei Says:

      [...] è presentato molto meglio da Sir, [...]

    8. wizmorgan Says:

      visto le foto, stupende. leggo con calma i testi. in ogni caso bellissima idea.

    9. Rossella Says:

      Intanto grazie.

    10. Nicole Kelly Says:

      “A gratis” si dice a Roma, sbagliando!
      Cominciamo bene!

    11. My Own Private Milano | Just another blog Says:

      [...] conoscere una persona che spesso ha delle belle idee, e che gliene parla, proprio come è accaduto questa volta. E ti ritrovi all’improvviso in una stanza con coinquilini in parte sconosciuti, scopri quale [...]

    12. Milano a piè di foto - manteblog Says:

      [...] pregevole iniziativa di Squonk Editore. Venti fotografi, non milanesi, che un giorno hanno preso un’immagine di [...]

    13. Simply my Blog » My Own Private Milano. Il web che mi piace. Says:

      [...] Una di queste iniziative è My Own Private Milano [...]

    14. Sir Squonk Says:

      Nicole, i milanesi non esistono più.

    15. My Own Private Milano - Cosa Vedi? | DanielaElle.net Says:

      [...] diventano pagine da vedere e sfogliare: Milano in venti fotografie e altrettanti racconti. Grazie a Sir Squonk, Nemo e Paola. E grazia a Ialla per la [...]

    16. Sara Rosso Says:

      Bell’idea e bell’esecuzione! Lo linkero’ domani dal podcast che faccio. :)

    17. Camillo Says:

      Sir, Grazie davvero. Mentre stavo per soccombere alla calura mi immaginavo un bel “PSLO” (Post Sotto L’Ombrellone)… ed eccomi catapultato in una Milano affascinante e, per me, poco conosciuta. Mi sembra quasi di sentire il profumo del panetùn…

    18. » Blog Archive » Sunday Creativity: My Own Private Milano Says:

      [...] così, prendendo in prestito le parole dello stesso Sir Squonk che l’ha ideato in una serata di primavera, My Own Private Milano (visualizza in Google Docs [...]

    19. maurizio (videogioco) Says:

      bellissima idea e complimenti ai vari fotografi e autori

    20. My Own Private Milano :Ninna till the end Says:

      [...] sta per My Own Private Milano ed è una delle idee del Sir che ha trovato un modo decisamente originale per omaggiare la sua [...]

    21. My Own Private Milano | DeadManWriting Says:

      [...] di fatto. Non ha vie di mezzo, non ha compromessi. Milano dà anche l’ispirazione per fare un lavoro del genere: 20 fotografie e 20 testi combinati insieme per provare a descrivere Milano. Molto bello. Buona [...]

    22. My Own Private Milano | Luca Sartoni Says:

      [...] coloro che hanno partecipato, grazie a tutti coloro che lo leggeranno. Un grazie particolare a Squonk che l’ha pensato, a Marco Mazzei che ha scritto il racconto che mi è piaciuto di più (sarà [...]

    23. Gesualdo Says:

      Pregevole.
      Complimenti davvero.

    24. Del perché mi è stato chiesto di collaborare a My Own Private Milano « Fermentigattici.net Says:

      [...] “Ma grazie! Ma per caso tu hai fatto delle foto a Milano?“ [...]

    25. vanz Says:

      non trovo il pulsantino del laik

    26. rigattiera nera Says:

      Lodevole inziativa, signor Squonk!

    27. Grazia » Blog Archive » My Own Private Milano: la città vista e raccontata dalla rete Says:

      [...] rete è un luogo dove succedono ancora le cose in modo spontaneo, come un [...]

    28. kOoLiNuS Says:

      scopro con {colpevole} ritardo …

      emozionale, bello, sereno, speranza, calma, poesia, vita … sono parole che vortico nella mia testa, riflessi di luce nel mio sguardo su quest’Opera …

      Ora voglio (vogliamo?) un bis … quando meno ce l’aspettiamo, chiaro!

    29. Feba Says:

      mi ero persa quest’iniziativa e ho recuperato tutto d’un fiato. complimenti a tutti.

    30. Milo Temesvar Says:

      Bello. Grazie. Davvero.

    31. asamber Says:

      AVREI VOLUTO ESSERCI :)

    32. Weekend meneghino | Just another blog Says:

      [...] meneghini. Ci si trova per un precena – cena – dopocena con alcuni partecipanti a My Own Private Milano per discutere delle possibili evoluzioni progetto, poi sabato vado all’Innovation Festival [...]

    33. Natalina Says:

      Fantastico!! Semplicemente straordinaria idea! Ho scaricato il file per rivedermelo con calma!

    34. A Sant’Ambrogio si fa l’albero — Malapuella Says:

      [...] delle feste. E per celebrare la mia amatissima città ripesco il contibuto che avevo scritto per “My own private Milano”, che è scaricabile in tutta la sua completezza cliccando sull’immagine qui sotto, giusto in [...]

    35. Quer Pasticciaccio Bello | Ciocci Thinks Says:

      [...] Filed In: cose, web   [DOWNLOAD] Quer pasticciaccio bello nasce come costola [sinistra] del My own private Milano. Dieci fotografi romani, dieci foto della periferia di Roma, dieci scribi di fuori Roma. Per [...]

    36. links for 2011-02-08 « Champ's Version Says:

      [...] Squonk » My Own Private Milano [...]

    Leave a Reply