< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • December 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/12/2007

    Sparizioni

    Filed under: — JE6 @ 12:04

    La notte scorsa la scuola elementare frequentata dalla persona corta è stata svaligiata. Business as usual: si ruba nei negozi, nelle aziende, nelle banche, negli appartamenti – non si vede perchè le scuole dovrebbero fare eccezione. Magari una piccola, piccolissima differenza la fa il fatto che le scuole Montessori, almeno per i primi anni, praticamente non usano libri ma solo materiali, e quindi rubare un computer o un videoproiettore è un po’ come rubare l’intera scuola. Ma faccio questi ragionamenti perchè è la scuola di mia figlia, me ne rendo conto, e le cose brutte sono più brutte quando capitano a te. Business as usual, appunto.

    Lenny all’amatriciana

    Filed under: — JE6 @ 11:31

    [Magari le parole di Giuliano Ferrara sono più calzanti per altri personaggi che non per Luttazzi, ma mi interessa il senso del discorso. Poi, con Luttazzi io la finisco qui; promesso]

    Vogliono tutti fare Lenny Bruce, ma non vogliono vivere e morire nella gloria dell’outsider emarginato, alcolizzato e cirrotico, vogliono farlo con l’assistenza pubblica e privata del mercato televisivo per famiglie, possibilmente in prima serata, e con l’ulteriore assistenza del mercato della politica, che li fa deputati al primo segno di martirio. Ricchi e potenti perché liberi”.
    Repubblica.it