< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • April 2008
    M T W T F S S
    « Mar   May »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/04/2008

    Quando due più due fa quattro

    Filed under: — JE6 @ 09:51

    Si scopre la potenza dell’aritmetica; la legge elettorale produceva ingovernabilità fino a quando uno non era abbastanza bravo (e gli altri abbastanza scarsi) da riuscire a prendere abbastanza voti.

    Alcuni consigli (a te stesso)

    Filed under: — JE6 @ 08:39

    Hai perso le elezioni (d’accordo: non proprio tu in prima persona, ma siamo tutti una grande famiglia, no?): visto quanto raramente le hai vinte, non dovrebbe essere difficile fartene una ragione.
    Non pensare che gli “altri” siano tutti delle emerite teste di cazzo: lo sai che non è vero; tu hai votato PD, per dire.
    Evita le puttanate melodrammatiche tipo “emigro nelle Antille Olandesi”, che di “Centovetrine” ne basta e avanza uno.
    Quando incontri qualcuno che ha votato Bertinotti (sarà difficile, ma non impossibile), dagli una pacca consolatoria sulle spalle. E non farti vedere, quando sorridi beffardo.
    Quando incontri qualcuno che ti dice “è tutta colpa di Prodi”, sii educato: pur volendolo mandare a fare in culo, ricordagli serenamente che Walter “avremmo potuto farcela” Veltroni non solo è stato suo vice, ma è riuscito nella pregevole impresa di perdere elezioni a ripetizione.
    Quando incontri qualcuno che ti dice “è tutta colpa di Prodi”, ammetti che ha ragione. A metà, il che è già abbastanza.
    [Segue? Ma anche no.]