< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • September 2008
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/09/2008

    Senza Cuore

    Filed under: — JE6 @ 08:18

    Sto leggendo “Non avrai altro Cuore all’infuori di me”, storia di un giornale verde che poco meno di vent’anni fa riuscì a creare una piccola (ma nemmeno tanto) setta di adepti, della quale fece parte anche il titolare qui.
    E’ una lettura istruttiva sebbene abbastanza amara, una volta che si passa sopra ad alcune stucchevolezze (gli “speciali”, sequenza di pagine e pagine dedicate ad un unico argomento, finiscono per annoiare un po’ per la ripetitività) e non perchè costringa i ricordi dei bei tempi della gioventù a riaffiorare, ma perchè troppe cose e persino persone che venivano sbeffeggiate nel 1989 o nel 1993 sono ancora qui con noi, a farci compagnia. Peggio ancora, ne siamo totalmente assuefatti, che si tratti di Silvio Berlusconi o della Boutique della Frattaglia; il che la dice lunga: su di noi, e su cosa abbiamo fatto diventare questo paese.