< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • September 2008
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/09/2008

    Quinta colonna

    Filed under: — JE6 @ 16:52

    In questi giorni romani ho fatto un po’ di visite di lavoro. Forse per la prima volta mi sono trovato a chiedermi non tanto se quello che stavo facendo era bello, divertente, gratificante, ma, piuttosto, moralmente giusto. Mettere le basi per il supporto commerciale e di marketing ad una organizzazione antiabortista, ad esempio, è accettabile? Non lo so. E’ un cliente (potenziale) come un altro, ha il diritto di esprimersi e raccogliere fondi come chiunque altro – se penso ad alcuni miei clienti, chi fornisce assistenza domiciliare gratuita a malati terminali, chi vende polizze assicurative o abbigliamento per corrispondenza, chi fa ricerca su malattie degenerative e via dicendo. Non fanno nulla di illegale: sono portatori di una visione della vita e del mondo che in larghissima misura non mi appartiene, tutto qui. Eppure non mi sento a posto, per niente, e temo di averne qualche ragione.

    Regime calorico padano

    Filed under: — JE6 @ 00:27

    Una cosa che ho imparato con il tempo, mangiando nei ristoranti di mezza Italia, è che per giustificare un piatto lasciato a metà per qualsivoglia ragione (scarsa qualità, quantità eccessiva, rispetto di rigidi regimi pseudosalutisti) è spesso sufficiente abbozzare un sorriso mezzo contrito e mezzo autoironico, e accompagnarlo con la fintamente sconsolata ammissione “sa, sono milanese“. Ci cascano tutti. Sempre.