< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • September 2008
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/09/2008

    Tre blogger, e cinque omini

    Filed under: — JE6 @ 17:30

    Non so se ve l’ho mai detto, ma ho due socie magnifiche: la Tengi e la Flauta. Adesso iniziamo a divertirci.

    (Piccola) Squonk Calzelunghe

    Filed under: — JE6 @ 08:41

    Sto assistendo con stupore ad un evento che non credevo più possibile: ci sono zone, a Milano, nelle quali i bambini possono ancora fare vita di cortile. Nel quartiere dove sono nato e cresciuto, il Gallaratese, c’è un gruppo di case unite tra loro appunto da una serie di cortili inframmezzati da spazi verdi con alberi e cespugli. E qui si capisce che i bambini sono sempre gli stessi – per fortuna, verrebbe da dire: la simpatica banda della quale la persona corta è entrata a far parte passa la sua giornata scorazzando in bicicletta, arrampicandosi sugli alberi di fichi, facendosi la casetta immaginaria nel grande cespuglio ai piedi della vecchia centrale termica, organizzandosi per portare al canile un randagio perso vicino all’ex asilo nido, sedendosi su un marciapiede a parlottare fitto con’amica “delle nostre cose”, sbucciandosi le ginocchia dopo essere caduta dai pattini. Così, per ore e giorni. Certo, non giocano più a “mondo”, a biglie o macchinine. Però mi affascina comunque questa aria di piccolo paese che si respira, i nonni che sorvegliano i nipoti, i genitori che nel tardo pomeriggio ritornano dal lavoro e riabbracciano i figli. La prossima settimana riprende la scuola, e la nostra Pippi tornerà alle sue otto ore di lavoro e alla piscina e al pianoforte e ad un’agenda fitta e rigida come quella di un amministratore delegato – o di un impiegato di quarto livello. Ma, nel frattempo, si sbuccia le ginocchia: va bene così.