< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/11/2008

    Con la presente si richiede alla S.V. autorizzazione alla manifestazione di dissenso

    Filed under: — JE6 @ 15:31

    Secondo Luca, Veltroni non dovrebbe avere altri interlocutori ufficialmente titolati al contraddittorio al di fuori di coloro che lo hanno sfidato (ehm) alle primarie del PD. In attesa di un ritorno sulle scene di Clemente Mastella, fiero avversario veltroniano, mi permetto di far notare che, al netto di un sano senso di disciplina per cui ad una decisione della segreteria dovrebbe conseguire un coerente comportamento di tutti gli altri, non si vede perchè l’espressione di una posizione diversa da quella del segretario dovrebbe essere appannaggio solo di alcuni (ed eviterò di sottolineare che non si capisce perchè le opinioni degli sconfitti alle primarie dovrebbero avere più valore di quella di altri: a rigor di logica, e ricordando le percentuali bulgare di consenso da costoro conseguite in quell’occasione, queste opinioni dovrebbero avere ancora meno valore in quanto pubblicamente screditate).
    Wittgenstein