< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/11/2008

    Magari non mi ha visto nessuno

    Filed under: — JE6 @ 13:14

    Penso di essere un caso umano, con scarse possibilità di recupero.
    Sabato pomeriggio un marcantonio canuto ha pensato di attraversare la strada nel punto più lontano possibile dalle strisce pedonali, disinteressandosi allegramente delle automobili in arrivo – in particolare la mia. Gli ho fatto un gesto come per dire “o pirla, ci sono le strisce, lo sai?”. Mi ha insultato lui in modo irripetibile (e infatti non ripeto), e io tutto quello che sono stato capace di fare – idiota che non sa litigare con la gente – è stato fermare la macchina in mezzo alla strada e urlargli con quanta voce avevo in gola che ci sono delle cose bianche sull’asfalto da usare in quelle occasioni [1]. Il bello è che mi vergogno ancora adesso non di cosa ho detto, ma di come l’ho detto e dello scatto di nervi che ho avuto.

    [1] Mi rendo conto che, messa così, la frase assomiglia pericolosamente ad una istigazione alla tossicodipendenza oppure ad una pubblicità di assorbenti femminili, eh.

    Dici a me?

    Filed under: — JE6 @ 07:45

    Non so se ogni tanto viene anche a voi il dubbio che le cose abbiano quel che si dice un’anima, e siano più sagge persino di noi umani che ci crediamo loro padroni. Sto fissando il display della mia stampante; dice “Pausa Attiva“.