< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/11/2008

    Obamismi

    Filed under: — JE6 @ 11:32

    Mi è arrivata una mail da una signora che si firma “Change Consultant”.

    Dovrei raccontarti tutto questo

    Filed under: — JE6 @ 11:26

    Dice “devo vedere degli amici, gente che grazie a Dio non ha un blog”.
    A me, dei miei amici, che abbiano o non abbiano un blog non me ne frega nulla. Però, stamattina Ubu si è ricordato di questo, e mi è venuto da dire che invece no, grazie a Dio questa gente e molta altra ancora un blog ce l’aveva e nella maggior parte dei casi ancora ce l’ha – tu pensa quel che vuoi, io dovrei raccontarti tutto questo, lo so, e se vuoi lo farò: ma spero che tu abbia la mia stessa fortuna, e possa fare a meno dei miei racconti”.
    Chi eravamo

    Prendi la roba e scappa

    Filed under: — JE6 @ 07:44

    Nell’ultimo anno, dagli scaffali della grande distribuzione italiana è stata rubata merce che vale, nell’insieme, qualcosa come tre miliardi di euro. Sembra che l’abbigliamento sia particolarmente gradito (immagino perizomi e collant, se non altro per maggiore facilità di occultamento), ma anche alimentari e hi-tech se la cavano bene. Quel che mi stupisce è che i furti siano cresciuti negli hard discount e diminuiti nei grandi ipermercati, perchè se devi rubare qualcosa allora tanto vale cercare di farlo “bene” – ma forse è solo questione di quanto attenta è la vigilanza interna, non so.
    Italia Oggi (solo per abbonati)