< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • September 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/09/2009

    Fuoco amico

    Filed under: — JE6 @ 14:09

    Ieri sera sono andato a fare un giro alla Festa Democratica di Milano. Civati avrebbe dovuto presentare il suo libro. Ha parlato un’ora, dedicando due minuti a Berlusconi e cinque a Formigoni (forse meno); il resto a sparare su Bersani e Franceschini – quando dici il nuovo che avanza.
    Ho scritto queste due righe come le si scrive sui social network, di fretta e puntando all’effetto immediato. Però, tornando a casa, ci ho pensato sopra un po’, cercando di capire cosa c’era che non andava in quel che avevo visto e sentito, ma non so se mi sono davvero chiarito le idee. Ho letto le tre mozioni, ho ascoltato dibattiti, ho letto interviste e post, e quel che mi rimane di questa Estate Democratica è la sensazione shakespeariana del tanto rumore per nulla: i due candidati che ce la possono davvero fare non sembrano essere dei fulmini di guerra capaci di rivoltare il PD come un calzino rendendolo qualcosa degno di un’emozione e di un impegno concreto; il terzo candidato, quello che c’è per soddisfare l’idea di esserci, nulla può fare se non sparare raffiche di fuoco amico per provare a convincere almeno cinque elettori ogni cento di essere meglio “di quei due là”. Io continuo a pensare che fra i tre uno che merita un po’ più di fiducia c’è, anche se come troppo spesso capita buona parte della compagnia di giro che lo circonda e sostiene è capace di smorzare anche i più fervidi entusiasmi; nonostante questo, lo preferisco di gran lunga a chi si è dato come orizzonte quello del proprio orticello, perché si sa: dagli amici mi guardi Iddio, che dai nemici mi guardo io.