< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • September 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/09/2009

    Greetings from Paris ’09 – La giostra

    Filed under: — JE6 @ 19:20

    Mi fermo davanti a Gare Montparnasse per aspettare un amico. C’è tanta gente, il rumore del traffico e delle persone, il sottofondo acustico urbano a cui facciamo caso solo quando non lo sentiamo più. Sono tentato di comprarmi una crepe, per ingannare l’attesa, ma mentre sto per decidermi vengo distratto da un movimento nuovo. La giostra, quella che sta alle spalle del camioncino che vende dolci e bevande e anche lo zucchero filato. Mi rendo conto che era rimasta ferma fino a quel momento, e in effetti la piazza davanti alla stazione non sembra il posto ideale per portare un bambino a divertirsi; mi sposto di un paio di passi, guardo meglio e li vedo: avranno una trentina d’anni entrambi, tutti e due alti ma lui un po’ di più, vestiti da ufficio, giacca e cravatta lui, una specie di tailleur con il pantalone lei; sono saliti ciascuno su un cavallo, uno al fianco dell’altra, e si allungano l’uno verso l’altra, e si baciano assecondando il movimento dell’animale della giostra, quello di lui sale e lei allunga il collo mentre lui si abbassa, quello di lei sale e per un momento le due teste si ritrovano alla stessa altezza e poi subito una schizza verso l’alto e l’altra la insegue. Non sembrano due bambini, perché due bambini non farebbero questa cosa da film con Meg Ryan, sembrano solo due adulti che se ne fregano di tutto ciò che gli sta intorno, delle mille o diecimila persone che affollano la piazza, due adulti che si baciano e ridono come scemi, e vai a sapere chi è più scemo tra loro due, il sottoscritto che li guarda, e tutti gli altri che corrono e fumano sigarette.

    Greetings from Paris ’09 – Baschi, anfibi, mimetiche

    Filed under: — JE6 @ 19:19

    Passano camminando lenti e sicuri, con la mimetica attillata, le maniche rimboccate, gli anfibi lucidi, il basco piccolo dei militari di professione, il mitra imbracciato con la canna a quarantacinque gradi. Dal 2001 sono una presenza costante, almeno nei miei ricordi di viaggiatore che viene a Parigi una o due volte all’anno, e forse lo sono davvero perché la folla di Montparnasse non li degna di un’occhiata, loro sfilano con la faccia di marmo, la gente entra ed esce dalla stazione, gli ultimi clienti lasciano le bancarelle tutto-a-un-euro; solo un ubriaco gli grida qualcosa, ma le parole vanno via in fretta, come loro.