< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • November 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/11/2010

    La legge della cover

    Filed under: — JE6 @ 19:02

    Io ho questa idea, che viviamo un’epoca di portentosa sopravvalutazione della creatività personale (e pure di gruppo). Così basta avere un blog e scriverci sopra racconti intrisi di crepuscolare malinconia per credersi (e persino farsi considerare) scrittori, basta saper tenere in mano una chitarra ed esser capaci di distinguere un quattro quarti da un sette ottavi per credersi (e persino farsi considerare) musicisti, basta saper tenere in mano un microfono e non sbagliare più del trenta per cento di congiuntivi per credersi (e persino farsi considerare) intrattenitori di prim’ordine. E’ che bisognerebbe rivalutare un po’ la riproduzione della vera creatività, delle cose belle, almeno dove questo sia possibile: senza vergognarsene, senza ritenerla una cosa da poco, una cosa da sfigati; la musica, ad esempio, questo lo permette: si può prendere una sinfonia di Beethoven, un blues di Robert Johnson, un’ouverture degli Yes, un qualcosa (provate a definirlo, se ci riuscite) di Frank Zappa e rifarlo, praticamente identico all’originale, dando all’umanità che ti ascolta un piacere che ti dovrebbe ripagare mille volte della modesta castrazione delle tue velleità artistiche. Purtroppo questo è il gramo tempo storico dell’Io-a-tutti-i-costi, e sono pochi, troppo pochi quelli che riescono a capire che è molto meglio suonare alla grande bella roba altrui che rompere i coglioni al mondo con mediocre roba propria.

    Predicare ai convertiti

    Filed under: — JE6 @ 12:30

    Fabio Fazio invita a “Vieni via con me” Gianfranco Fini e Pierluigi Bersani. Insomma, allunga il brodo di “Che tempo che fa” trasformando il presunto evento televisivo dell’anno in un clone di Ballarò, senza Belpietro e più noioso. Complimenti.