< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • January 2011
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/01/2011

    Comunisti immaginari, release 2011

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Girando l’ultima pagina di Comunisti immaginari di Francesco Cundari ho provato la stessa sensazione che ha accompagnato la dissolvenza dell’ultima scena di The West Wing: la sensazione di mancanza di una cosa bella. A pensarci, forse quel che mi manca è il mondo che Francesco ha descritto, e che io non ho mai conosciuto. Un mondo fatto da gente con mille difetti, che ha creduto in cose che oggi facciamo fatica persino a immaginarci: ma gente con la spina dorsale, l’esatto contrario dei barbari che Baricco descrive così bene. A pensarci ancora meglio, e come lo stesso Francesco mi ha fatto notare, non era tutta questione di “persone”; c’era il partito, che non era solo una bandiera con una falce e un martello. Era – io credo – l’insieme di due elementi, ugualmente importanti: l’organizzazione (“una volta dettata la linea, dopo è tutta questione di organizzazione”) e – e forse soprattutto – l’idea. La ragione di vita, non so come dire. Tutti i paralleli che si fanno tra la Chiesa cattolica e la “Chiesa” comunista mi sembra che trovino fondamento in questo: l’esistenza di una ragione profonda (una “causa”) che può portare una persona a dedicarle la vita, l’unica che ha su questa terra. Quando noi ci parliamo del ricostruire un partito, ecco: mi chiedo se questo reggerebbe al tempo che viviamo, alla nostra mancanza di una ragione così forte.

    2 Responses to “Comunisti immaginari, release 2011”

    1. Gio Says:

      Personalmente posso dire di essere quel che sono perché qualcuno un giorno ha cominciato a parlarmi di ragione (e libertà…) come tu lasci intendere nell’ultimo paragrafo. Ma al contrario, per una ragione forte! e non sto parlando di politica. Ne di religione. Ma di ciò che cor-risponde al cuore dell’uomo. Una ragionevolezza presente.

    2. Le domande difficili « Quadernino Says:

      […] formulare per primi, affinché poi non tocchino a noi le risposte. Quando però a formularle è uno che non solo è riuscito a scovare da qualche parte una copia ancora in commercio del tuo unico […]

    Leave a Reply