< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2012
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/07/2012

    Touché

    Filed under: — JE6 @ 11:00

    Io vorrei che leggeste questo articolo di Guia nostra. Non per l’argomento (non sarei credibile nel suggerirvelo: ho guardato qualche anno di E.R. solo per Susan Lewis, non so di quale cassetto si parli, non ho idea di come sia finito Friends, ho abbandonato The Good Wife dopo uno sbadiglio lungo quaranta minuti, non so come si chiamino i tre amici di Seinfeld, ho guardato tutto Homeland tranne gli ultimi venti minuti. La noia è un gran difetto, maledizione; almeno potessi dire di non aver perso tempo perché leggevo i classici russi e Fitzgerald, e invece nemmeno quello) ma per questo unico, splendido, crudele inciso: nessuna si senta offesa, ma andiamoci anche piano a sentirci escluse.