< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2012
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/07/2012

    Imperdonabile

    Filed under: — JE6 @ 08:25

    Mia nonna diceva che solo chi non fa non sbaglia. Lo dicono tutte le nonne, credo. Non c’era indulgenza in quella frase: solo il semplice, necessario farsi una ragione del non essere perfetti – lei, io, tu, chiunque. No, non c’era indulgenza, mia nonna aveva passato una vita abbastanza difficile da togliergliela quasi del tutto. Buonsenso, empatia, compassione, anche se lei non avrebbe mai usato parole del genere, perché possedeva il vocabolario limitato di una donna analfabeta cresciuta nella Sardegna nuragica del primo Novecento. Io sono abbastanza convinto che mia nonna non avrebbe mai, mai pensato che l’errore di un impiegato di una scuola al quale salta il nome di un ragazzo nella compilazione dell’elenco dei promossi fosse imperdonabile perché avrebbe trovato quel giudizio sbagliato, perché avrebbe pensato – anche se con le sole cinquanta o cento parole del suo vocabolario limitato – che un’azione non devi considerarla solo alla luce di quanto produce come conseguenza, ma devi cercare di giudicarla in sé. Io credo che mia nonna avrebbe pensato questo, e io – il nipote laureato che legge e viaggia e ha una cultura – sarei stato d’accordo con lei.