< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2012
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/07/2012

    Vino

    Filed under: — JE6 @ 14:39

    Attraverso il parcheggio. Sono le due del pomeriggio e se non fosse per i palazzi, per l’ipermercato, per la vecchia fabbrica riadattata a uffici, loft e appartamenti su misura di noi gente del terziario avanzato potresti guardare in alto e vedere il cielo azzurro come capita di rado da queste parti, e credere di essere al mare, o seduto sugli sgabelli di un’osteria delle colline di un qualche Appennino. C’è un odore strano in giro. Vino. C’è un gruppo di uomini che passano il loro tempo in questo parcheggio, seduti con le spalle attaccate agli alberi che noi malediciamo perché le foglie colano un milione di goccioline appiccicose che impiastrano i parabrezza. Non fanno niente, parlano e bevono il vino da due soldi che comprano all’Esselunga, trenta metri più in là, giusto dall’altra parte della strada. Ogni tanto ti si avvicinano, sono le otto di sera e tu stai entrando in macchina per tornare a casa, ne senti l’alito a distanza o forse è solo la suggestione di quelle bottiglie vuote abbandonate in terra che ormai fanno parte dell’arredo urbano, non si capisce mai cosa vogliono, se chiederti soldi o fare due chiacchiere, a volte si limitano ad alzare la mano e salutarti con una risata sghemba e sdentata. Ci sono giorni che mi chiedo come ci vedono, cosa gli sembriamo, forse alieni come loro paiono a noi, che non odoriamo di sudore e vino ma di deodorante roll-on e ammorbidenti esotici, in fondo è sempre questione di punti di vista.

    Solidarietà

    Filed under: — JE6 @ 09:07

    Io non ho ancora ben capito come si possa provare allo stesso tempo dolore per i pestati della Diaz e solidarietà per i pestatori. Magari qualcuno di voi riesce a spiegarmelo.