< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • September 2012
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/09/2012

    Ci vediamo di là

    Filed under: — JE6 @ 14:30

    Qualche sera fa ho salutato questo vecchio amico che sta per partire, mandato a lavorare negli Stati Uniti per qualche anno – lui che mi augurava buon viaggio per Shanghai, io che consultando mentalmente l’agenda gli dicevo ok, allora ci vediamo ad Ann Arbor tra un mesetto, ed entrambi avevamo nella voce solo un filo di sorpresa, come se nel tempo ci fossimo abituati all’idea che questo muoversi da una parte all’altra del mondo (e nel suo caso addirittura cambiare completamente vita) e trovarsi agli antipodi per andare a cena sia una cosa non troppo lontana dal normale – poi parlo al telefono con mia madre, la figlia della donna vestita di nero che si fermò allibita davanti a una scala mobile chiedendo cosa mai fosse quella biscia di metallo che usciva dal pavimento, la donna che ogni settimana mi chiede sei a Milano in questi giorni e dice ossignore ogni volta che le rispondo elencandole il viaggio dell’indomani, e allora mi rendo conto che no, che ci vorrà ancora un po’ prima che tutto questo sia davvero normale al punto da non parlarne nemmeno più.

    Leave a Reply