< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • July 2004
    M T W T F S S
    « Jun   Aug »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/07/2004

    Vita da cani

    Filed under: — JE6 @ 10:12

    Non è una novità che molti umani amino gli animali almeno quanto i loro simili, se non di più.
    Ciò nonostante, il fatto che ogni americano spenda circa 122 dollari ogni anno per nutrire ed accudire il proprio pet (quale esso sia: un gatto o un boa constrictor), fino ad arrivare all’iperbolica cifra totale nazionale di 34.3 miliardi, mi lascia, come dire, un filo basito. Ma forse, invecchiando, divento ancora più moralista di quanto già sono di natura.
    American Pet Products Manufacturers Association

    10 Responses to “Vita da cani”

    1. adrix Says:

      Stessa reazione per quanto mi riguarda. Soprattutto perche’ un numero considerevole di questi pet sono sicuramente “poodles”, cioe’ barboncini yorkshire terrier e mostriciattoli similari, l’estremo abominio. Cito Frank Zappa: “In the beginning God made ‘the light.’ Shortly thereafter God made three big mistakes. The first mistake was called MAN, the second mistake was called WO-MAN, and the third mistake was the invention of THE POODLE.”

    2. Luthor Says:

      Guarda che 122 dollari l’anno non è mica tanto.
      Considera una visita veterinaria annuale con richiamo vaccinazioni, diciamo 40 $ (cosi’, a naso) restano $ 82 per “vitto e alloggio”, ovvero 22 centesimi al giorno.

    3. Squonk Says:

      Luthor, i 122 dollari sono pro-capite; moltiplica per 2,5-3(cioè i componenti di un nucleo familiare). Oppure elimina tutti coloro che non hanno un animale domestico, e attribuisci la loro quota ai padroni veri e propri. A me non sembrano quattro soldi.

    4. Auro Says:

      io so chi spende abbastanza da coprire la quota della famiglia Bradford (che se ricordate contava 8 figli…) e della famiglia Robinson (4 figli) messe assieme (forse anche quella di Settimo Cielo, numero dei figli non pervenuto che sono metà di mille): tempo fa su MTV servizio su una modella che aveva l’ossessione per il suo cane barboncino e lo faceva sempre tingere di rosa. sempre significa una volta ogni dieci giorni. e la toelettatura cubava 180 dollari… facendo i conti… ;o)

    5. sphera Says:

      Magari nel computo dei pet hanno considerato anche i nonni. Ogni tanto dovran pure tirarli fuori del supermercato e portarli a toelettare.

    6. Black Cat Says:

      Sai, se si tratta di un rottweiler o di una gatta come Witch, non ho difficoltà a credere che sia una cifra più che legittima. Non puoi capire quanto costino i cibi per animali, escludendo appunto i veterinari. La mia costa mediamente sui venti euro al mese, che se fai i conti, sono centoventi euro a testa (siamo in due) all’anno. Ed è solo una gatta…

    7. Squonk Says:

      BC, posso benissimo immaginare, altrimenti non si raggiungerebbero certe cifre. Ciò che mi basisce è che si accetti che il cibo per cani (gatti, uccelli, pesci, etc.) costi quanto quello per i bambini – se non di più. Ripeto, non voglio fare la morale a nessuno (o forse sì?), è che, ogni tanto, mi pare che il rapporto tra umani ed animali domestici sia, come dire? “malato”.

    8. papi Says:

      Parliamo di solitudine e misantropia? Parliamo di businnes, posti di lavoro, fabbriche di cibo per …? No? Allora di cosa ** parliamo?
      Barboncino/poodle:
      È questo il cane che, sebbene abbia sempre goduto di una indiscussa e meritata considerazione, in ispicial modo per quanto riguarda il mansueto temperamento e la grande docilità, ebbe il coraggio, come un aneddoto racconta, di addentare risolutamente gli augusti polpacci di Napoleone Bonaparte!

      … l’acuta intelligenza, forse superiore a quella di qualsiasi altro cane, …(F. Fioroni – Tutti i cani)
      Aggiungo: se i barboncini vengono toelettati in modo ridicolo e tinti di rosa non è colpa loro. Al cattivo gusto e alla stupidità non è stato posto alcun limite (purtroppo all’intelligenza invece sì)

    9. Black Cat Says:

      Squonk, il cibo per bambini costa tre volte tanto. E devo fare un monumento alla ASL che mi passa il latte in polvere idrolisato per mio figlio allergico, altrimenti pagherei 500 euro al mese per nutrirlo, contro i venti della gattonza. E se non fosse allergico ne pagherei duecento, che se permetti, son sempre dieci volte tanto. Mi sa che è passato tanto tempo da quando la tua era piccola! Ora è tutto triplicato, sob…

    10. sphera Says:

      Detto tra parentesi, al mio gatto, oltre agli avanzi, ammannisco da anni cibo per cani. Che costa la metà ed è uguale, a parte la figura fuori.

    Leave a Reply