< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/05/2006

    In Loving Memory

    Filed under: — JE6 @ 21:54

    Florence War Cemetery – May 31st, 2006
    Chissà chi sei, e cosa ci fai qui. Hai fermato la macchina davanti alla macelleria, dicono che la carne di questi posti è buonissima, hai camminato lungo la strada e sei entrato.
    Lo so che è bello, questo posto. Il prato che sembra un tappeto, i fiori sempre freschi, le colline verdi, l’Arno che scorre una decina di metri più in basso. E’ bello anche in un giorno come oggi, con le nuvole grosse e scure, l’aria fresca e qualche goccia di pioggia.
    Certo, sessant’anni fa, quando mi ci hanno portato, era tutto un po’ diverso. Non c’erano i tralicci dell’alta tensione, la statale era una strada sterrata, sui binari passavano le locomotive a vapore. E io ero vivo. Ero un soldato, un comunissimo soldato, il Private Allan Duncan, matricola 2759014. Un Private come quel Ryan, quello del film che tanto ti è piaciuto. Avevo ventiquattro anni, quando sono morto. A duemila chilometri da casa mia, da mia madre e mio padre – quelli che hanno scritto “In Loving Memory” sulla mia lapide. Non sapevo nemmeno dove mi trovavo, mi interessava solo sopravvivere e tornare a casa.
    Non ce l’ho fatta, e come me tutti gli altri di cui stai guardando la tomba. Padri quarantenni, o ragazzini di nemmeno vent’anni come quello che vedi là, sulla tua sinistra. Neozelandesi, sudafricani, canadesi, inglesi, scozzesi, c’è addirittura un norvegese.
    Ti chiederei di fare una cosa per me, ti chiederei di tirare un sasso nel fiume, per guardare i cerchi allargarsi nell’acqua, e sentire il rumore della pietra che affonda. Ma qui sassi non ce ne sono, e tu, comunque, non potresti sentirmi.
    Fra tre o quattro ore sarai a casa, tu, con la tua camicia a righe e la cravatta che sbatte spinta dal vento. Saluterai tua moglie e tua figlia, mangerai un piatto di quella pastasciutta che dicono essere buona come la carne e che io non ho mai avuto nè il tempo nè la possibilità di assaggiare. Io, una moglie e una figlia non li ho potuti avere. Fai buon viaggio, e se puoi torna a trovarci.

    One Response to “In Loving Memory”

    1. Effe Says:

      ohi, lei è pronto per una nuova Spoon River

    Leave a Reply