< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • April 2008
    M T W T F S S
    « Mar   May »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/04/2008

    Per forza

    Filed under: — JE6 @ 22:20

    Un commentatore mi fa notare che è tanto facile criticare questo e quel partito, il PD per un motivo e SA per un altro e il PdL per un altro ancora – e a quello limitarsi, senza “fare proposte”. Tanto facile. Troppo facile.
    Sarà.
    E però, a me sfugge perchè dovrei per forza essere in grado di fare delle proposte politiche. Non escludo la possibilità che questo avvenga, intendiamoci. Ma perchè posso criticare solo a seguito di una proposta costruttiva? Da semplice cittadino, non ho il diritto di fermarmi davanti alla vetrina parlamentare, guardare con attenzione, soppesare, e poi dire – semplicemente – “questo no, questo no, questo no”, se l’offerta che mi si para di fronte agli occhi non mi suscita alcun entusiasmo? Perchè dobbiamo necessariamente essere un paese di commissari tecnici e primi ministri?

    8 Responses to “Per forza”

    1. john Says:

      Perchè non fanno proposte nemmeno quelli proposti per farlo?

    2. Squonk Says:

      Che se ne scelgano altri capaci di farlo. Se io non lo sono, è meglio che lasci perdere, no?

    3. john Says:

    4. chartitalia Says:

      Il commentatore di cui sopra vorrebbe aggiungere solo che la non scelta è in realtà una precisa scelta: quella di far scegliere agli altri. Dicendo no, no, e no, non è che non compri niente: quello che tu compri viene deciso dagli altri, e a pagare sei tu.
      Cordialità.

    5. Squonk Says:

      Concordo. Ma qui non si parla di “non scelta”: la scelta è stata fatta; purtroppo l’offerta era quella che era.
      Il post parla di altro, e cioè dell’insensatezza dell’obiezione per cui una critica è legittima solo se accompagnata da una proposta cosiddetta costruttiva: la quale può venire solo da chi ha almeno uno straccio di competenza da mettere in gioco e/o è abbastanza interessato a farlo. Ma è sbagliato – nonchè un po’ paraculo – pretendere che questo avvenga. Tutto qui.

    6. sphera Says:

      La critica è legittima sempre.
      Composta e civile, laddove possibile (mica sempre, in effetti), ma legittima sempre.
      Se poi qualcuno ha anche una proposta, tanto meglio. Se è costruttiva, meglio ancora (anche perché il concetto di proposta distruttiva mi è sempre un po’ sfuggito, conflitti armati a parte).
      Se oltre che averla ed averl acostruttiva è anche intelligente, sensata e realizzabile molto meglio ancora.
      Ma se qualcuno mi dice che non posso criticare “a meno che” mi arrabbio molto.
      E immagino si arrabino ancor di più i critici letterari o cinematografici, ai quali non risulta nessuno abbia mai imposto di girare un Titanic anche loro, prima di criticarlo.

    7. chartitalia Says:

      Squonk, la tua tecnica di discussione mi sembra un po’ debole e tutto sommato poco onesta, anche se non priva di una sua efficacia: da una certa argomentazione estrai una singola parole che forse è la più debole e ti accanisci terapeuticamente su di essa. Ora, visto che sei tu a definire qual è l’essenza vera di una discussione, permettimi di farti notare che quando, incautamente, ti chiedevo le tue “proposte” non erano le proposte per risolvere i problemi del mondo o dell’universo ma più banalmente, quali erano le tue proposte di voto, in pratica, come eri orientato a votare tu, o a non votare, come mi sembra poi tu abbia fatto.

      Può essere che se ti conoscessi magari prevarrebero altri elementi di valutazione, e che tra qualche tempo avrò metabolizzato la cosa, ma in questi giorni quelli che si sono astenuti adducendo l’impresentabilità del PD e sbandierando il nulla come alternativa, mi fanno francamente orrore.
      Chiudo qui la cosa perchè non vorrei annoiare i più con questa bega. Eventualmente ti rispondo in privato.
      Sempre cordialmente.

    8. Squonk Says:

      Chart, a me prendere del disonesto infastidisce un po’, soprattutto se a) non è vero e b) chi mi accusa si ostina a non leggere e non capire.
      A casa mia, c’è una differenza tra proposta e scelta. Ti pregherei di pensarci sopra, e qui mi fermo per carità di patria. Io ho scelto – piuttosto a malincuore – PD. Non ho proposte migliori, ma come ho cercato di spiegare, non è questo nè un obbligo nè un titolo per essere buoni cittadini.
      Spero di essere stato chiaro, finalmente.
      In qualunque caso, lo ribadisco: il sottoscritto ha votato PD. Al Senato e alla Camera. Se questa tu la chiami la mia proposta di voto, fai pure, significa che toccherà tirar fuori ancora la vecchia solfa delle parole che hanno un significato.

    Leave a Reply