< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • November 2008
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/11/2008

    Il bar e la biblioteca

    Filed under: — JE6 @ 12:48

    Ieri ho fatto quattro chiacchiere con un blogger della prima ora, e per cinque minuti ci siamo dedicati ad uno degli sport prediletti di noi anziani – il “ai nostri tempi (qui era tutta campagna)”.
    Tra un esercizio di autocompiacimento e l’altro, riflettevamo sul fatto che il pezzo di rete nel quale entrambi siamo entrati anni fa aveva una caratteristica fondamentale che manca a quella di oggi: la memoria. Usavamo uno strumento, il blog, effimero ma duraturo al tempo stesso. Perchè un post scaccia l’altro, è vero: ma rimane tutto lì, non solo negli archivi, ma proprio come insieme delle parole pensate, scritte, commentate. Oggi invece gran parte di queste parole si gettano nel fiume della conversazione 2.0, quella che chi ne sa chiama social; e non solo vivono ancora meno di quanto vivessero quelle dei post di un tempo, ma si perdono senza lasciare traccia di sè. I blog, con il passare del tempo, diventano delle biblioteche: luoghi nei quali fermarsi, dopo aver passato (anche piacevolmente) un po’ di tempo a fare il giro delle ombre al bar di Twitter e poi al pub FriendFeed e poi al caffè Facebook; fermarsi, e recuperare tempo e senso, e restare un po’ in silenzio, chè anche la buona conversazione viene a noia, se si esagera.

    14 Responses to “Il bar e la biblioteca”

    1. Vale Says:

      Vero, tutto velocissimo…

    2. Achille Says:

      C’è poi un po’ di schizofrenia. Il perché qui non ci sia nessun commento, mentre ce ne sono 14 sulla segnalazione (solo un link, senza testo) su Friendfeed, mi sfugge.

    3. lalui Says:

      A me non sfugge invece. Su FF riesco a seguire più conversazioni contemporaneamente, nella stessa finestra/applicazione.
      Tornando alla metafora del bar, se voglio vedere/salutare/parlare con il mio gruppetto di amici, perchè andare prima a casa di Mario, poi di Pietro, di Maria… se andando al bar dello sport li vedo tutti contemporaneamente?
      (regge il paragone? :-\)

    4. Achille Says:

      Sì. Ecco, questa è una buona spiegazione.

    5. Sir Squonk Says:

      Lui, capiamoci. E’ che uno non passa tutta la vita al bar. Ogni tanto, almeno per la sua salute mentale, dovrebbe fare una capatina in biblioteca. No?

    6. gluca Says:

      comunque teniamo sempre conto che FF è per iniziati, ci sono migliaia di blogger la’ fuori che nemmeno lo sanno che esiste… (cmq sia la Sua che quella de Lalui sono esamine corrette IMHO)

    7. gluca Says:

      e cmq, Sir, questa cosa dei commenti che rimangono, sul blog, è una visione romantica: non credo di essere mai andato a rileggerne uno, o quasi (neanche dei post in effetti, pero’)

    8. Sir Squonk Says:

      Io sì, e più di una volta.

    9. Ire Says:

      Suppongo che servano entrambi, come lo scritto e il parlato. Nel blog vengono riportati i pensieri che vogliamo rimangano nel tempo; altrove, lasciamo parole che vogliamo scompaiano. Credo sia tutto qui.

    10. adlimina Says:

      piccoli commenti crescono (anche qui, ma di là di più) comunque ha ragione gluca, è molto romantica questa visione (il che non vuol dire non condivisibile)

    11. Maurizio Goetz Says:

      Molto vero quello che scrivi, per questo si arriverà a calibrare i contenuti delle conversazioni fluide, da quelli che devono essere conservati nella memoria collettiva, credo sia solo questione di tempo, di consapevolezza e di capacità di adattamento.

    12. lapiccolacuoca Says:

      Uno non può sempre farsi un tramezzino (o la patatina e l’oliva, o l’hamburger o veda Lei). Ha bisogno a volte di andare in un buon ristorante, sedersi, farsi servire, bere buon vino, rilassarsi e parlare. Non si può solo e sempre chiacchierare. A volte si va nei ristoranti anche da soli. Giusto per ascoltare il rumore delle posate. Il silenzio, quello nero e profondo non lo si ha mai. Quello bisogna andare nello spazio per sentirlo e non sopravviveremo a quel silenzio lì. C’abbiamo i silenzi degli umani attorniato dal rumore del traffico e della natura…poi non vorrei essere o sembrare polemica ma a me viene che stare sempre ai party dopo un po’ viene a noia, ma di buone conversazioni…ecco a quelle non assisto mai. Perché?

    13. DanieleMD Says:

      Proprio in questi giorni sto sperimentando la verità di quello che dici… sono blogger da poco più di un anno e mi sto accorgendo (caso strano proprio dopo aver passato un po’ di tempo su FriendFeed) di essermi perso un sacco di bei blog e allora la sera mi metto a sfogliarli (gli ultimi che sto leggendo sono eio, cloridrato di sviluppina e il proeta) pagina per pagina (o categoria per categoria o mese per mese) ed è esattamente come sfogliare dei bei libri in blibiolteca.
      In fondo spero capiti la stessa cosa a chi scopre per la prima volta il mio blog 🙂
      A presto

    14. Quattro amici al bar | Ludik – di Luca Di Ciaccio Says:

      […] tale proposito riporto saggia riflessione di Sir Squonk, blogger di vecchia data: “Usavamo uno strumento, il blog, effimero ma duraturo […]

    Leave a Reply