< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • Progresso
  • Distinguo
  • November 2009
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/11/2009

    Irreality show

    Filed under: — JE6 @ 09:16

    Le “Donne della realtà”, quelle che dovrebbero “interrogarsi su come i media possano ridare visibilità alla molteplicità delle esperienze femminili e recuperare un ruolo di analisi e critica nei confronti dei fatti di cronaca” (non prendetevela con me, virgoletto Repubblica che a sua volta, immagino, riporta il comunicato stampa, suppongo scritto dal ghost writer di Kim Jon Il) sono una docente di psicologia sociale, una filosofa, la direttrice di un telegiornale nazionale, la segretaria confederale di un sindacato, due direttrici di un quotidiano, la direttrice di un settimanale; mi pare che l’astrofisica, l’arte concettuale e l’altissima finanza non siano rappresentate, mostrando così che la strada per l’ingresso completo e definitivo dell’altra metà del cielo nella realtà è ancora lunga e irta di ostacoli e resistenze, ma la fiducia nelle magnifiche sorti e progressive rimane immutata: ce la possono fare.
    Repubblica.it (su perfida segnalazione della Maestra)

    One Response to “Irreality show”

    1. farfintadiesseresani Says:

      (mode maschilista on) Mi paiono poco rappresentate anche le lavoratrici all’uncinetto. (mode maschilista off).

    Leave a Reply