< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/01/2010

    Semplici conoscenti

    Filed under: — JE6 @ 15:15

    C’era un tormentone tanti anni fa, ai tempi delle Sturmtruppen. La guardia gridava il chi va là, chiedeva “amici o nemici?”, e dal buio arrivava la risposta, che era invariabilmente “semplici conoscenti”.
    Ecco, ci pensavo questa mattina, quando per un caso mi è tornato in mente il primo messaggio che ho ricevuto qualche mattina fa, mentre congelavo nel sole dell’inverno della mia gioventù davanti a una camera mortuaria, mandato da una persona incontrata una sola volta in tutta la vita, una persona che non chiamo amica per pudore e rispetto, ma che per me è come se. E ci pensavo in questa settimana di autostrade e strusci e cene e alberghi, all’inizio di un altro anno di aeroporti e fiere e happy hour e networking party, pensavo che basterebbe poco per definire le persone per quel che sono – amici, nemici, semplici conoscenti – prendendone serenamente atto, senza arrampicarsi sugli specchi delle regole di questi bassi tempi di reti sociali. Ci pensavo, dicendomi che alla mia età sarebbe anche l’ora di imparare a farlo, sarebbe anche l’ora di crescere.