< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/02/2011

    Faraway, so close

    Filed under: — JE6 @ 20:24

    Allora se n’è andata?
    Sì.
    E dove?
    Non lo so. Ma lontano.
    Però forse non è andata via davvero.
    Dici?
    Sì. E’ diventata una foto.

    4 Responses to “Faraway, so close”

    1. Stella Says:

      :)) Simpatico!

    2. Stella Says:

      Io, invece sono sempre qua! Ma lei dove si trova?

    3. Soul Says:

      non è poi così male in fondo essere una foto.. è un insieme fitto fitto di puntini che ricordano un’emozione, attimi di vita andati, ma che tornano sempre, se solo li lasci fluttuare in quel avanti e indietro costante che è la vita nei ricordi.. un sorriso, a volte una lacrima, spesso solo un pensiero, o magari un sogno.. tutti prima o poi si diventa la foto di qualcuno e altri le nostre.. è un gioco perverso, ma ha la sua bellezza, non trovi?

    4. Stella Says:

      Forse.

    Leave a Reply