< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/02/2011

    Greetings from London 2011 – In between

    Filed under: — JE6 @ 20:21

    Capita spesso: sali, sali fino a diecimila metri, e quando l’aereo si raddrizza vedi il sole, quello che chiudi gli occhi e te lo senti sulle guance, e sulla bocca, fino a quando scotta, e allora guardi la hostess che si avvicina per offrirti un bicchiere di Coca-Cola calda. Poi scendi, e ti si avvicinano le nuvole, le guardi arrivare, ne valuti la consistenza, la densità, c’è un momento preciso nel quale trattieni appena il respiro, è una frazione di secondo, è quando entri nella lana dei nembi e scompare la luce e pensi al pilota che ha davanti a sé solo latte e fuimo grigio. Dopo qualche minuto, mentre la sinusite e il cambio di pressione ti fanno scoppiare la testa, esci da quello strato di cecità, guardi fuori dal finestrino e rivedi la luce. Di solito puoi già vedere la terra là sotto, i bacini artificiali, i boschi, le autostrade, le ville a schiera, i puntini rossi in movimento dei fari delle macchine. Ma succede, alcune rare volte, che ti ritrovi in mezzo, che sotto di te vedi un altro strato di nuvole da attraversare, e la prima immagine che ti viene in mente è quella del prosciutto tra due fette di pane, ma senti anche un leggerissimo sibilo di desolazione, ti dici ma come, ancora, come se quel secondo tappeto fosse un’ingiustizia, una beffa, uno scherzo di cattivo gusto, come quando credi di aver finito un lavoro e ti arriva la telefonata mentre stai per spegnere il computer, come quando pensi di aver risolto un problema e invece scopri che non è così, non ancora, come quando sei sicuro di aver passato l’ultimo tornante e invece che il rifugio ti trovi di fronte un’altra rampa pietrosa. Poi l’aereo scende, scende ancora, attraversa anche quel banco, le ali vibrano un po’, e là, là in fondo, ancora lontana ma visibile, ecco la città.

    Rovesciamento della volontà popolare

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Se vivessimo in una società realmente democratica, si sarebbe tenuta in debito conto l’opinione di cinquecento milioni e fischia di iscritti: e così The Social Network avrebbe vinto quindici Oscar quest’anno e pure qualcuno dell’anno prossimo. Invece, siccome questi premi vengono dati da una ristretta intellingencija composta da sei(mila) snob rinchiusi nelle loro torri eburnee, il popolo rimane una volta di più a bocca asciutta. Ci sarebbe da metter su una raccolta firme su Facebook, se non suonasse troppo come conflitto di interessi.