< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/12/2004

    Cercare, e (forse) non trovare

    Filed under: — JE6 @ 08:14

    Non ho mai fatto il classico post sui referrers (benchè sia un genere godibile, che frequento con piacere), e non lo farò nemmeno questa volta. Anche perchè, lo ammetto, i referrers di Squonk riflettono la tristezza che permea il blog medesimo: insomma, da queste parti non viene nessuno a cercare la Prestigiacomo nuda, per intenderci.
    Comunque, il punto è un altro.
    Il punto è che, se uno consulta Libero per cercare informazioni su “riunioni aziendali”, si trova come primo risultato di ricerca un mio post assolutamente insignificante. Sul serio, non è falsa modestia: leggere per credere. E lo stesso vale, chessò, per “ragnatele”, oppure per “figli Veronica Lario”, e così via.
    Insomma, mi metto nei panni dell’utente del motore di ricerca; lo immagino alle prese con una tesi sugli aracnidi, o con la stesura di una memoria aziendale su come ottimizzare i tempi delle riunioni interne: e ne vedo la delusione e il fastidio, di fronte ad un materiale per lui totalmente insignificante. Non è colpa mia, ça va sans dire, ma – prima o poi – in quei panni ci ritroviamo tutti: magnifichiamo gugol davanti a mamma e papà, che di queste cose non capiscono nulla o quasi, ma in segreto sacramentiamo per il tempo perso e ci chiediamo se, in fondo, si tratta di vera gloria.