< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/12/2004

    Fai finta di crederci, dai

    Filed under: — JE6 @ 16:43

    L’idea, buona o meno è tutto da vedere, è cosa dell’anno scorso. I blogger che fanno un regalo di Natale.
    Sì, suona un po’ Telethon, in effetti.
    E suona anche un po’ “da iniziati”. Dovresti sapere cos’è un blog, chi è un blogger, cose così. Lasciamo perdere.
    Mettiamola così: quella che hai in mano è una raccolta di regali di Natale. C’è gente che si è messa davanti al computer, ed ha scritto qualcosa per te. A volte l’ha fatto ex novo, in altri casi ha tirato fuori dall’hard disk una ventina di righe alle quali teneva parecchio.
    Non ti aspettare chissà cosa. I blogger, spesso, scrivono bene, certo; ma questo non è importante. In fondo, i lavoretti che i bambini fanno all’asilo valgono meno delle opere di Michelangelo? Dipende dai punti di vista. In questo caso, ricordati che è Natale, che tutto questo è gratuito, viene solo dal desiderio di regalare una cosa propria ad amici ma anche a sconosciuti che, forse, un giorno in amici si potrebbero trasformare. Come si dice, quello che conta è il pensiero.
    Fai finta di crederci, dai.

    Post sotto l’albero 2004

    Allo stadio, come allo stadio

    Filed under: — JE6 @ 08:43

    Non so voi; a me piacerebbe che la squadra di calcio di cui sono moderato tifoso vincesse in modo limpido, senza polemiche, senza dubbi, senza retropensieri.
    E pure mi piacerebbe che il raggruppamento politico di cui sono moderato sostenitore si comportasse in modo limpido, evitando le polemiche, senza far sorgere dubbi, senza suscitare retropensieri.
    Ma la felicità non è di questo mondo, dicono.

    Poi, come si faccia ad appassionarsi ad un “raggruppamento politico”, beh, questo non riesco a spiegarlo nemmeno a me stesso.