< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/12/2004

    Amatullo, just a little louder!

    Filed under: — JE6 @ 14:24

    “It’s terrifying that opera greats like James Levine or Beverly Sills could be watching you. But you could have this incredible performance, and boom, someone’s deciding to launch your career.”
    E’ consolante scoprire che la Juillard School of Performing Arts non ha ancora chiuso. Magari ci scappa una riedizione di “Saranno famosi”, con i nipoti di Danny, Doris, Leroy, Bruno, Holly e compagnia cantante (e danzante).
    NYT

    Gli voglio bene come a un figlio

    Filed under: — JE6 @ 08:31

    Mi capitò di scriverne qualche mese fa, e mi imbattei nel prototipo di colui che sostiene che gli animali ti danno almeno tanto amore quanto sono capaci di darne gli umani, aggiungendo poi, a mo’ di chiosa, la sibillina frase “un cane ha un qualcosa che…“. Che cosa, devo ancora capirlo.
    Comunque, non posso dire di essere rimasto sorpreso nel leggere che in Italia, come in altri paesi occidentali, il numero degli animali domestici è ormai superiore a quello delle personcine con meno di 15 anni. Da noi, il fenomeno è più evidente, dato che abbiamo il tasso di fertilità più basso della terra: tra cani e gatti, si arriva a 14,5 milioni, bimbetti e adolescenti si fermano a 8.
    Non so quanto sia ozioso provare a riflettere sui motivi di questa situazione. Brutalmente, mi verrebbe da dire: cani e gatti rompono meno gli zebedei, in ogni senso. Sbaglio?
    Repubblica.it