< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/12/2004

    Domande (oziose)

    Filed under: — JE6 @ 22:06

    Come mai il prezzo del petrolio è calato del 20% in un paio di settimane, e non si leggono titoli a caratteri cubitali?

    Si è mai sentito di una “prima” della Scala che non sia stata accolta trionfalmente, con standing ovation e decine di minuti di applausi?

    Come si spiega che una mattina sì ed una no viene annunciata l’esecuzione di una vasta operazione anticrimine, realizzata da centinaia di poliziotti e carabinieri che sgominano questa o quella cosca della criminalità organizzata, e si continua ad aver bisogno delle vaste operazioni medesime?

    [Continua?]

    Educare

    Filed under: — JE6 @ 21:46

    Ieri sera ascoltavo Maria De Filippi, a “Otto e mezzo”.
    Nella ridda di inutili amenità che si sono ascoltate, ho sentito la Maria nazionale affermare, con convinta sicurezza, che la televisione “non deve educare”.
    Ho pensato che si può seriamente provare ad educare qualcuno, o almeno contribuire alla sua educazione, solo se si ha un’idea del mondo, una visione delle cose, della vita della quale non ci si vergogna.
    Ma questi sono tempi di pensiero debole: così, nel pantano del non far fare ad altri ciò che nemmeno noi siamo in grado di fare, ci finiamo tutti.