< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/12/2004

    Dimmi cosa leggi

    Filed under: — JE6 @ 10:21

    Da qualche tempo, su Herzog si svolgono interessanti (benchè un filo troppo “elevate”, per i periti aziendali come il sottoscritto) discussioni letterarie.
    Leggendole, e comparandole con altre dissertazioni/recensioni nelle quali mi imbatto now and then, ragionavo sul fatto che le affinità di lettura sono tra le più forti ed indicative delle affinità tra persone – o meglio tra culture e stili di vita.
    Per dire, da una parte chi legge Eggers, Foster Wallace, Palahnjuk. Dall’altra chi legge Pessoa, Chatwin, Proust. Ecco, se esiste davvero una “scuola milanese” del blog, credo che questo abbia molto a che fare con le letture condivise, più che con il vivere nella stessa città.