< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/12/2004

    Come in un film – Reprise

    Filed under: — JE6 @ 13:34

    Quanto avrei voglia di cancellare il post precedente.
    Invece lo tengo lì, a mostrare quanto sia facile prendere per il naso le persone.
    Dow Chemical, Bhopal, risarcimento.
    Tutte cazzate.
    Repubblica.it

    Come in un film

    Filed under: — JE6 @ 11:51

    Sono passati vent’anni, un certo numero di generazioni di cittadini indiani sono state rovinate, i danni all’ambiente (come quelli sulle persone) sono in parte certi, in parte ancora da determinare, e comunque gravissimi.
    Però, finalmente, la Dow Chemical ammette che la catastrofe di Bhopal è colpa sua, e stanzia 12 miliardi di dollari (circa 9 miliardi di euro) come risarcimento.
    Non credo che la storia sia finita, no; i morti non torneranno in vita, le malattie non guariranno, forse la cifra pro-capite sarà irrisoriamente modesta. Però, in questo momento, sembra di assistere ad uno di quei drammoni legali americani, un po’ film d’azione e un po’ courtyard movie, dove c’è l’avvocato idealista che, alla fine, riesce ad incastrare il grande cattivo. Insomma, parlare di happy end è davvero improprio, ma questa sembra una buona notizia.
    Repubblica.it

    Come Vianello e Mondaini

    Filed under: — JE6 @ 08:51

    Per una fortunata combinazione di orari, riesco ad andare insieme a mia moglie all’uscita della scuola materna per recuperare la quasi-quattrenne.
    Dirigendoci verso la sua classe, resto inavvertitamente due-tre passi indietro. La bambina vede la mamma e le corre incontro a braccia aperte; a metà della corsa, si accorge della mia presenza e, giunta a due passi da quella santa donna che l’ha messa al mondo, fa uno scarto repentino sulla destra, riprende la traiettoria e mi si proietta addosso.
    Io rido, la piccola ride, mia moglie ride. A volte, ci vuole poco.