< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/04/2005

    E hop, la curva

    Filed under: — JE6 @ 09:56

    Secca ripetersi, ma, dopo aver sentito mille volte la scemenza “Noi [di Milano, ndr] siamo diversi, siamo migliori, non c’entriamo nulla con quei t****** di Roma“, dopo essersi sorbiti le ipocrite fregnacce su quanto era giusto fermare il campionato in segno di lutto per la morte del Papa, e su quanto invece sarebbe stato giusto giocare e comportarsi tutti bene per rendere omaggio al Papa-che-amava-lo-sport, vedere un Capodanno-a-Fuorigrotta-fuori-stagione abbattersi su un portiere colpevole solo di fare (bene) il suo mestiere non fa altro che consolidare le mie negative opinioni sugli abitanti delle curve di molti stadi italiani.

    L’argomento viene trattato, in modo interessante, anche da Stefano Olivari: estendo le negative opinioni anche ad almeno una tribuna, chè poi quelli della curva si sentono soli.