< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/02/2006

    Sì, sicuramente

    Filed under: — JE6 @ 17:43

    Secondo il sito di Mediaset, il calendario realizzato da Ainett Stephens nel 2001 è diventato in breve tempo il più famoso d’America (Latina, credo), anche perché realizzato per sostenere i popoli dell’Amazzonia.
    Mediaset.it (via Il sentiero giusto)

    Can you tell me why?

    Filed under: — JE6 @ 16:33

    Io non ho ancora trovato un buon motivo per cui dovrei precipitarmi a comprare prodotti danesi (non ho nemmeno motivi per non comprarli, intendiamoci).
    EmmeBi

    Buffetto

    Filed under: — JE6 @ 09:41

    In sè, le norme sulla par condicio non mi scandalizzano: siamo un paese quasi del tutto incapace di autoregolamentarsi, e che, in quanto tale, ha bisogno di un numero notevole di paletti e regole e limitazioni.
    Alle norme si devono accompagnare le sanzioni che puniscono il loro mancato rispetto; queste sanzioni devono essere serie e credibili: si deve cioè essere sicuri che verranno effettivamente comminate (si dice così?), e che la loro portata sia tale da punire adeguatamente e, soprattutto, dissuadere preventivamente i potenziali trasgressori.
    Ora, al riguardo non sono particolarmente ottimista: quanto incidono sul budget elettorale di Silvio Berlusconi i cento o duecentomila euro di multa che potrebbero punire la trasmissione della Pivetti? Si può davvero credere all’esistenza di trasmissioni “riparatrici”? In questi casi, i danni, se e una volta fatti, non sono rimediabili: li si può usare come argomento polemico, al massimo, e questo è quanto.
    Repubblica.it