< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/02/2006

    Dietro un grande uomo

    Filed under: — JE6 @ 13:13

    Martin Luther King diceva che senza sua moglie, la sua forza d’animo, la sua calma, lui non avrebbe mai potuto fare ciò che lo rese un simbolo per centinaia di milioni di persone.
    Coretta gli è sopravvissuta, e ha continuato molte delle sue battaglie. Ora, è andata anche lei. Ti sia lieve la terra, Mrs. King.
    Repubblica.it, Flickr

    Vado a vivere in campagna?

    Filed under: — JE6 @ 09:27

    Non mi è infrequente la sensazione che molti articoli di Michele Serra siano appesantiti dalla necessità di fare il sociologo ogni giorno e per venti righe. Ciò nonostante, mi pare che la constatazione dell’incarognimento della vita in provincia, che ancora molti si ostinano a considerare come antidoto allo stress e alla spersonalizzazione della vita cittadina, sia piuttosto condivisibile. Ogni volta che mi stacco da Milano e vado, appunto, in provincia, mi viene da pensare “ecco, qui sì che si vive bene”; ma, come si sa, l’erba del vicino è sempre più verde.
    Repubblica.it